Si può curare il cancro con il bicarbonato: tutte le balle pubblicate sul sito AIRC

L’AIRC, come al solito cerca di portare acqua al proprio mulino perchè se venisse adottata la terapia Simoncini contro il cancro, finirebbe di esistere e finirebbe di incassare finanziamenti privati!
Sul loro sito, a questo link: https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/corretta-informazione/bicarbonato vengono riportate tante ma tante bufale.
Le smontiamo pezzo per pezzo:
L’AIRC sostiene che:

  • Nessuna ricerca scientifica ha dimostrato che il bicarbonato di sodio sia una sostanza in grado di curare i tumori umani.
    Falso! Ne esistono centinaia pubblicate su PUBMED.com e le più interessanti sono anche pubblicate sul nostro sito
    http://www.drsimoncinicommunity.com/it/2018/04/10/studi-sulla-sicurezza-del-bicarbonato-e-suo-utilizzo-per-la-cura-del-cancro/
  • Il tumore può creare intorno a sé un ambiente acido, ma il bicarbonato, pur essendo una sostanza basica, non modifica in alcun modo il pH intorno alla massa tumorale, quando è assunto per via orale.Falso! La terapia Simoncini prevede flebo di bicarbonato iniettate nei vasi sanguigni prossimi alla massa tumorale.
    Non è mai capitato che il cancro non ne abbia risentito riducendosi di dimensioni.
  • L’iniezione del bicarbonato per via endovenosa (o parenterale) è estremamente pericolosa per tutti gli organi, inclusi quelli sani.
    Falso! Questa è la balla più grande, visto che quotidianamente negli ospedali italiani vengono effettuate endovena per una decina di patologie con flebo di bicarbonato di sodio addirittura al 10%  (Il Dr. Simoncini usa il bicarbonato di sodio concentrato al 5-6%!)
    Queste di seguito sono le patologia curate in ospedale:
  • Chetoacidosi diabetica grave. 
  • Rianimazione cardiorespiratoria. 
  • Gravidanza. 
  • Emodialisi. 
  • Dialisi peritoneale. 
  • Tossicosi farmacologica. 
  • Epatopatia. 
  • Interventi di chirurgia vascolare. 
  • Alcuni studi in corso negli Stati Uniti stanno testando un derivato del bicarbonato di sodio, allo scopo di diminuire l’acidità intorno alla massa tumorale e studiare se questo rende la chemioterapia più efficace.Gli studi sono veri, ma sono una mistificazione per consentire alle multinazionali del farmaco di speculare su questa sostanza, visto che da sola non è brevettabile!

    In conclusione, siamo tutti liberi di esprimere le nostri opinioni, ma quando l’AIRC si riduce a raccontare balle per favorire la chemioterapia per paura di perdere i finanziamenti della gente, la cosa dà fastidio perchè denota che per il vile denaro la vita delle persone non conta nulla.

    Dr. Simoncini Community

(Visited 358 times, 1 visits today)

Hits: 400