Ancora una prova che la cura con il bicarbonato di sodio del Dr. Simoncini è valida

Mentre in Italia il giornalismo spazzatura e medici poco preparati continuano a gridare “dagli all’untore!” nei confronti del Dr.Tullio Simoncini, all’estero stanno sperimentando con successo la sua cura contro il cancro con il bicarbonato di sodio.
In Russia, Cina e, soprattutto, negli USA.
All’estero si sono resi conto del bluff della chemio e stanno lavorando per trovare una soluzione, mentre gli italiani (o italioti… ) continuano a credere a tutte le balle raccontate loro da programmi come Striscia la Notizia & C., un giornalismo spazzatura destinato, per fortuna, ad avere vita breve. Le principali testate giornalistiche, infatti, stanno avendo cali enormi di lettori e/o di ascolti, a causa delle menzogne che quotidianamente vengono pubblicate, puntualmente smentite dalla Rete!
La giusta fine dei servi dei poteri forti!
Ma torniamo al Dr. Simoncini e agli studi sul bicarbonato di sodio per la cura dei tumori che vengono portati avanti all’estero.

Questa è un articolo pubblicato sul sito: www.canceractive.com 

Sperimentazioni cliniche ora pianificate sul bicarbonato di sodio come trattamento per il cancro

Il Cancer Center dell’Università dell’Arizona lavora da un decennio all’uso del bicarbonato di sodio come tampone biologico e agente anti-cancro. Ad esempio, nel 2003 (Raghunand) hanno mostrato come bere bicarbonato di sodio ha provocato l’alcalinizzazione dell’area intorno ai tumori del cancro con conseguente cessazione di nuove metastasi. Ma il lavoro è stato ampiamente condotto nei topi. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che il bicarbonato di sodio ha avuto un effetto sui tumori della mammella e della prostata, ma ha avuto risultati contrastanti con altri tumori.

Ora il dottor Marty Pagel, PhD sta studiando gli effetti del bicarbonato di sodio con pazienti affetti da cancro al seno. Il finanziamento della ricerca proviene da una sovvenzione di $ 2 milioni da parte del National Institutes of Health (NIH), l’organizzazione creata negli Stati Uniti per sponsorizzare lo sviluppo di terapie complementari e alternative.

Robert J Gillies, che lavora presso l’H Lee Moffitt Cancer Center di Tampa, in Florida, è interessato anche al bicarbonato di sodio. Per citare il sito web di H. Lee Moffitts sulle loro Clinical Trials:

Questo progetto si concentra sul ruolo del microambiente fisico del tumore nella crescita e nell’invasione del tumore e come potenziale bersaglio per la terapia con componenti sia nella scienza di base che nella traduzione clinica. Negli studi scientifici di base, ci concentriamo sull’interazione delle componenti organiche del microambiente, in particolare dell’angiogenesi e del flusso sanguigno, con i parametri fisici come l’ossigeno, il glucosio e le concentrazioni di H +. Nella traduzione clinica, concentriamo gran parte dei nostri sforzi di ricerca su studi clinici che studiano il ruolo di una maggiore capacità tampone sistemica (attraverso l’ingestione di bicarbonato di sodio) in 2 contesti: in primo luogo, uno studio sul ruolo dei tamponi sistemici nell’alleviare i tumori correlati dolore osseo. In secondo luogo, uno studio di Fase 1/2 che aggiungerà una dose crescente di tampone orale (bicarbonato di sodio) alla terapia standard di cura (gemcitabina) in pazienti con carcinoma pancreatico metastatico o non resecabile.

Le università hanno collaborato in precedenza (insieme a scienziati del Dipartimento di Farmacologia della Wayne State University, Detroit, Michigan) in ricerche già coperte da CANCERactive. (2009, Robey et al. Hanno dimostrato che bere bicarbonato di sodio ha causato l’interruzione di nuove metastasi, mentre l’iniezione di bicarbonato nei tumori ha causato la regressione del cancro).

Ed: A CANCERactive abbiamo una visione semplice identica a quella del ricercatore oncologo americano Ralph Moss. Questa è la ricerca di cui ogni malato di cancro dovrebbe essere a conoscenza. Se bere bicarbonato di sodio può limitare le metastasi del cancro, allora dovrebbe essere considerato come parte di un programma integrato di trattamento del cancro, soprattutto se migliora l’azione dei farmaci chemioterapici. Attendiamo i risultati delle prove cliniche.

I lettori dovrebbero anche annotare la vista CANCERattiva sul Dr Simoncini. Simoncini è stato colpito in Italia per il trattamento di pazienti con bicarbonato di sodio. Qualunque sia il merito del bicarbonato di sodio, Simoncini ritiene che i cancri siano una crescita eccessiva dei funghi da parte di candida albicans.Crede che un corpo alcalino uccida questo fungo; e il bicarbonato di sodio può fornire questa alcalinità.Tuttavia, da nessuna parte negli studi di ricerca dell’Arizona o di H. Lee Moffitt è stato detto che è coinvolto un fungo.

Mentre il defunto Gerald Green, che ha lavorato con CANCERactive, ha avuto anche un argomento simile a quello di Simoncini, siamo dell’opinione che non esiste una sola causa di cancro e che lo stesso cancro è lo stesso, crediamo che sia tanto individuale quanto lo sei, e l’analisi della ricerca sui tumori mostra che non ci sono due biochimici uguali. Potrebbe anche essere vero che alcuni tumori sono fortemente influenzati dal coinvolgimento dei lieviti (la leucemia è uno di questi tumori in cui i lieviti causano gravi problemi). Non c’è dubbio che alcuni tumori sono fortemente associati alle infezioni fungine. Ad esempio, un numero di oncologi segnalano infezioni da lieviti scoperte durante operazioni per tumori del colon-retto. La Mayo Clinic ha confermato che Basidiobolus ranarum si trova nell’intestino ed è collegato all’IBS e persino al cancro. La ricerca di Johns Hopkins ha anche dimostrato che la droga anti-fungina Itaconazolo (utilizzata per le infezioni dell’unghia del piede e così via) per coincidenza ha bloccato l’angiogenesi della formazione di rifornimenti di sangue a un tumore. Ha anche ridotto il numero di cellule metastatiche circolanti nel corpo.

Tuttavia, questo lavoro di ricerca in Arizona / Moffitt / Detroit riguarda l’alcalinizzazione del corpo e del tumore (che può avere un nucleo acido) e quindi l’arresto delle sue reazioni chimiche e l’alcalinizzazione dell’area intorno al tumore e l’arresto delle reazioni chimiche che causano metastasi.

(Visited 896 times, 1 visits today)

Hits: 817